Crescentino, Patrizia Monzeglio parla degli Anni di piombo

Crescentino, Patrizia Monzeglio parla degli Anni di piombo

Crescentino, Patrizia Monzeglio parla degli Anni di piombo

Crescentino -

La tragica era degli ‘Anni di piombo’ è stata rivissuta in un intervento della
scrittrice monferrina Patrizia Monzeglio agli allievi della classe quinta Sia
– Servizi informatizzati aziendali dell’Istituto Calamandrei di Crescentino
che appartiene all’Istituto di istruzione superiore Galileo Ferraris di
Vercelli, dirigente Cinzia Ferrara. L’intervento, fatto nell’ambito di un
programma più ampio di educazione civica, storia e diritto era finalizzato
ad approfondire un argomento che ai ragazzi d’oggi, nati tutti dopo il 2000,
appare come un qualcosa di lontano, avvolto nelle nebbie del tempo.
Eppure dalla fine degli anni Sessanta sino agli anni Ottanta l’Italia venne
attraversata da una scia di sangue, provocato dal terrorismo di sinistra e di
destra, sia pure con modalità e finalità differenti. Patrizia Monzeglio, una
carriera in ambito bancario, due lauree e gli studi compiuti nella Torino
degli anni Settanta, nel 2022 ha dato alle stampe con i tipi di Neos il suo
primo romanzo ‘La ragione del silenzio’ ambientato tra Casale Monferrato,
un paese della collina (facilmente identificabile con Vignale di cui
originaria) e Torino, ambientato ai giorni nostri ma con filo conduttore che
riporta a galla una storia nata negli anni di piombo. Così, introdotta dalla
docente di lettere e storia Paola Bosso, ha spiegato, da un lato, lo svolgersi
della vicenda, dall’altro si è soffermata – dati storici alla mano – ad
esaminare come questo fenomeno si sia sviluppato e come, soprattutto, sia
stato sconfitto dallo Stato senza il ricorso a leggi speciali o a svolte
autoritarie.



Torna indietro

Casale e Vercelli Affari
Edizione cartacea Quindicinale

Uscita del 07/06/2024
Top